Pro e contro di una rivista per tavolette elettriche

Ecco: vi siete fatti prendere dall'entusiasmo, e vi è venuto l'orgasmo dell'applicazione per l'Ipad o per Android. Non vi pare vero di poter pubblicare una rivista coloratissima e piena di cose modernissime soprattutto perché è illuminata radiosamente dall'allettante prospettiva di non dover più pagare i poveri tipografi. L'inebriante prospettiva vi fa letteralmente girare la testa. Prima di cominciare a intraprendere la vertiginosa avventura di editore redattore di una rivista per tavolette elettriche è meglio considerare alcuni pro e contro. Questi sono quelli che mi vengono in mente:

Considerazione preliminare

Va bene: avete la possibilità di eliminare in un colpo solo pesantissimi problemi di ogni editore, la stampa, la distribuzione, le rese, il magazzino. Ci sono due problemi che non potete però eliminare: forma e contenuto. Se non siete dei geni o dei cialtroni (due categorie umane molto diffuse nel nostro paese) dovete considerare che la redazione (nel senso di gruppo, luogo, attività, relativi e ai contenuti) e la costruzione (nel senso di progettazione impaginazione elaborazione correzione) di una rivista rimangono inalterate. Anzi, vi accorgerete che diventano anche più laboriose.

    Pro:

  • Lettori potenzialmente infiniti.
  • Aumento dell'offerta di contenuti.
  • Possibilità di creare nuovi contenuti.
  • Elasticità.
  • Eliminazione dei costi di stampa e distribuzione resa e magazzino, e della loro organizzazione.
  • Presenza continua.
  • Attualità.
  • Liberazione dalla tirannia dello spazio cartaceo.

    Contro:

  • L'insopportabile leggerezza del formato elettronico. Avete già letto delle riviste sulla vostra tavoletta elettrica? Sì? Mettete a confronto le sensazioni che avete provato nella lettura senza carta con quelle che provate nella lettura cartacea. Non è più superficiale?
  • Adeguamento culturale ai nuovi formati.
  • Adeguamento culturale ai nuovi formati.
  • Modifica radicale dei tempi e dell'organizzazione del lavoro.
  • Perdita fisiologica di lettori.

Nota bene: l'elenco è soggetto a modifiche restrizioni e allungamenti; inoltre i vari punti verranno futuramente commentati per renderli più comprensibili.